Vai ai contenuti | Spostati sulla navigazione

Approfondimenti

Centro di documentazione del Museumgrandtour

Visita il sistema

Museo Civico "Mario Antonacci" - Albano Laziale

Il Museo Civico di Albano ha sede nella prestigiosa villa in stile neoclassico dei Marchesi Ferrajoli che in molte sale conserva ancora la decorazione pittorica eseguita dal Caretti nei primi dell’Ottocento.

Le raccolte archeologiche del Museo coprono un arco temporale che va dal paleolitico inferiore sino al Rinascimento.
Le più antiche testimonianze sono costituite da industrie litiche provenienti dal il villaggio palafitticolo delle Macine, sommerso nelle acque del lago Albano, che documenta archeologicamente la presenza umana nel Lazio antico nell’età del bronzo Medio 1 (XVIII-XVI sec. a.C.).
Sempre nella sezione pre- protostorica del Museo, la parte più qualificante e pertinente alla città di Albano, è costituita dai reperti della Civiltà Laziale che, nelle più antiche fasi (XI – VIII sec.), ebbe il suo splendore, attraverso il popolo degli Albani e della metropoli dei Latini Albalonga. Di questo periodo sono attestato oggetti provenienti sia da abitati che da necropoli.
L’età arcaica è invece ben rappresentata da reperti provenienti da luoghi di culto.
L’instrumentum domesticum, la collezione numismatica, i documenti epigrafici, costituiscono un’ interessante testimonianza della vita quotidiana dell’epoca romana dalla repubblica all’età imperiale.
Gran parte di questi reperti proviene dagli scavi ancora in corso di alcune ville suburbane costruite nell’Albanum tra la fine della repubblica e l’impero, come la testa in marmo di Tiberio Gemello dalla Villa Romana ai Cavallacci.
Ultimo complesso di reperti conservati nel Museo è quello relativo al periodo paleocristiano, tardo antico e medievale, quando la città si sviluppò prima intorno alla basilica Costantiniana, inglobando i resti dei castra e, successivamente, all’interno di una nuova cinta muraria difensiva.
I reperti medievali come quelli rinascimentali, provengono invece da vari punti della città. Al Museo archeologico infine sono annesse tre sezioni e un antiquarium: le raccolte mineralogiche, il Gabinetto di grafica antica e la sezione storico-artistica.

Rivolgendosi alla Direzione del museo è inoltre possibile visitare il circuito monumentale:
ANFITEATRO
Fatto costruire da Settimio Severo per il divertimento dei soldati e della popolazione delle città circostanti poteva contenere circa 16.000 spettatori (III sec. d.C)
CATACOMBE DI S. SENATORE
Poste al XV miglio della via Appia antica sono le più grandi di catacombe suburbicarie con affreschi del V,VI e XI sec. d.C.
CIMITERO STORICO
Fatto costruire dal Cardinale Vescovo di Albano Giovanni Fratesco Falzacappa presso la chiesa di S. Maria della Stella nel 1833, accolse anche le vittime delle epidemie di colera abbattutesi su Albano nel 1835 e nel 1867
CISTERNONI
Grande conserva d’acqua che riforniva l’accampamento della Seconda Legione Partica, l’unica funzionante ancora oggi con l’acquedotto romano originale. Contiene circa 10 milioni di litri d’acqua (fine II-III sec. d.C.)
SEPOLCRO DETTO DEGLI ORAZI E CURIAZI:
Monumentale sepolcro posto sul ciglio dell’appia antica nei pressi delle Catacombe, si ispira per forma alle urne volterrane. Età tardo repubblicana (I sec. a.C.)
ROTONDA
Già ninfeo facente parte della villa dell’imperatore Domiziano (I sec. d.C.), adattato a terme per gli ufficiali della Seconda Legione Partica (III sec. d.C.)consacrato come Santuario di S. Maria della Rotonda nel 1060
VILLA IMPERIALE GIA’ DI POMPEO MAGNO
All’interno del Parco comunale già Villa Doria si possono ammirare i resti di questa grande villa. A richiesta si possono visitare anche le cisterne e i criptoportici (I. sec. a.C.-IV sec. d.C.)
VILLA AI “CAVALLACCI”
La grande villa residenziale, situata tra via Verdi e via Ma scagni, conserva strutture murarie con pavimenti marmorei e mosaicati. ( I sec. a.C.-IV sec. d.C.). I numerosi reperti archeologici provenienti dagli scavi sono esposti nel Museo Archeologico di Villa Ferraioli

Direttore:
Daniela De Angelis

Indirizzo e recapiti:
Viale Risorgimento 3
00041 Albano Laziale (Rm)
tel. 06 9323490
fax 06 9325759
museo@comune.albanolaziale.rm.it
www.museicivicialbano.it

Orari:
Domenica-Venerdì 9.00 - 13.00
Lunedì e Giovedì anche 15.30 - 18.30
Sabato 8.00 - 14.00 e 16.00 - 19.00

La domenica pomeriggio sono previste aperture su prenotazione per gruppi

Ingresso:
Intero € 2,50
Ridotto € 2
Museo e due monumenti a scelta € 6
Classe scolastica € 12

facciata di Villa Ferrajoli testa in marmo di Tiberio Gemello