Vai ai contenuti | Spostati sulla navigazione

Approfondimenti

Centro di documentazione del Museumgrandtour

Visita il sistema

Museo Civico “Roger Lambrechts” - Artena

Intitolato all’archeologo belga Roger Lambrechts, che, per venticinque anni, ha diretto gli scavi archeologici in loc. Piano della Civita, il Museo Civico Archeologico è ospitato all’interno dell’ex Granaio Borghese, recentemente restaurato, ed è ufficialmente aperto al pubblico dal 2014.

La collezione è formata principalmente dai reperti rinvenuti negli scavi condotti in loc. Piano della Civita e da quelli recuperati nel territorio dal Gruppo Archeologico Artena. I materiali (ceramiche, decorazioni architettoniche fittili e marmoree, ornamenti, utensili ed armi metallici, iscrizioni, fistulae, monete, vetri, etc.), spesso conservati in forme intere e di particolare pregio, abbracciano un orizzonte cronologico che va dall’età neo- eneo-litica a quella tardo-antica e consentono di cogliere in maniera completa la storia del territorio, le sue forme di sussistenza economica e la sua organizzazione. 

Strettamente connessa al Museo è l’area archeologica del Piano della Civita, situata a circa 1 km dal paese e ancora oggi oggetto di scavi archeologici. Dall’alto dei suoi 631 m s.l.m. il pianoro domina il punto in cui si apre la vallata che consente di passare dalla Valle del Sacco alla Pianura Pontina. Frequentato già in età neo-eneolitica il pianoro cade in un’area che, tra VI e IV sec. a.C., fu di continua frizione tra Latini, Equi, Ernici e Volsci. Le indagini archeologiche hanno riportato alla luce una serie di piccole case, traumaticamente distrutte nel primo quarto del III sec. a.C. Una imponente cinta muraria in opera poligonale lunga 2580 m., circonda il pianoro, caratterizzato dalla presenza di un lungo muro di terrazzamento centrale, anche esso in opera poligonale; all’estremità meridionale del pianoro è stata riportata alla luce una delle porte di accesso all’abitato. Sulla piattaforma centrale di questo abitato oramai abbandonato da secoli, sono state riportate alla luce e sono ancora oggi indagate, le rovine di una villa rustica, edificata a partire dal I sec. a.C. Ampia quasi 2000 m2, è organizzata attorno a un atrio e un peristilio porticati, e conserva diversi ambienti residenziali (camere, terme), alcuni dei quali originariamente pavimentati da mosaici con motivi geometrici bianchi e neri e decorati sulle pareti da affreschi policromi, vani destinati alla lavorazione e stoccaggio di prodotti agricoli (magazzini, torcular) e cisterne sotterranee. L’area risulta frequentata e utilizzata fino al VI –VII sec. d.C.

Direttore:
Massimiliano Valenti

Indirizzo e Recapiti:
Granaio Borghese
via Fleming snc - Artena
Tel. 05.95191065; 06.95191051
e-mail: museo@comune.artena.rm.it

Orari:
Mercoledì e Venerdì: ore 10.00-13.00
Martedì e Giovedì: ore 16.00 – 18.00
Sabato e Domenica: ore 10.00 – 13.00; 16.00 – 19.00

Ingresso:
gratuito

Piano della Civita sala interna Granaio Borghese