Vai ai contenuti | Spostati sulla navigazione

Approfondimenti

Centro di documentazione del Museumgrandtour

Visita il sistema

Parco Archeologico e Culturale di Tuscolo

L'area archeologica della città del Tuscolo è posta sulla sommità di un’altura tra l’antica Via Latina e l’antica Via Labicana, sul ciglio della grande caldera del vulcano laziale. Le origini mitiche di Tuscolum, secondo gli autori antichi, sono da riferire a Telegono, figlio di Ulisse e di Circe, o a Silvio, discendente di Enea e re di Albalonga: un abitato, risalente all’età del Bronzo, precedente alla città latina di cui conosciamo la storia, è stato messo in luce dalle indagini archeologiche.

Tuscolo militò nella Lega Latina in stretta alleanza con Roma ed ebbe nel 338 la cittadinanza romana divenendo di fatto un "comune dello Stato romano” e arricchendosi alla fine del II sec a.C. del teatro e dell’ anfiteatro: parte dell’ampia cavea teatrale, con le file dei gradini per l'accesso, sono tutt’oggi visitabili nel centro dell’antica città. L’anfiteatro, poco fuori dall’area forense, rimase in uso fino agli inizi del sec. III con una attività pubblica documentata fino agli inizi del V secolo.

Gli scavi condotti dalla Escuela Española, dal 1994 in poi, hanno permesso di conoscere le caratteristiche di questi monumenti, le trasformazioni, e di ricostruire l’assetto dell’area centrale con la piazza del foro chiusa sud da un grande edificio porticato. Tutt’intorno sono state messe in luce tratti di mura, cunicoli e cisterne, e la cosiddetta “Villa di Tiberio”, un grande santuario extraurbano di epoca repubblicana, forse dedicato ai Dioscuri.

Lungo le strade che collegavano Tuscolo con le vie Labicana e Latina, sorgono diversi monumenti funerari e le numerosissime ville che occupavano il territorio tuscolano appartenute a diversi membri delle famiglie imperiali, quali Tiberio, Nerone, Galba e Mathidia. L’ultima fase edilizia documentata risale all’epoca medioevale al X secolo, in corrispondenza evidente dell’ascesa politica dei conti di Tuscolo. Sono state rinvenute diverse case terrinee, di buona struttura, di una certa ampiezza con un’elevata concentrazione urbanistica. Doveva trattarsi dunque di un abitato importante. La rocca fu distrutta dall’esercito del comune romano nel 1191.

Responsabile scientifico:
Valeria Beolchini (Scuola Spagnola di Storia e Archeologia in Roma-CSIC)

Indirizzo e Recapiti
SP 73b loc. Tuscolo - Monte Porzio Catone

Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini
Tel 06 9470820
info@cmcastelli.it

Prenotazioni
Coop. Iperico-Servizi per la cultura
3914225048
prenotazioni@tuscolo.org

Orari:

marzo tutte le domeniche dalle 9,30 alle 13,30
aprile tutti i sabati e domeniche dalle 9,30 alle 16,30
da maggio a settembre tutti i sabati e domeniche dalle 9,30 alle 19,30
ottobre tutte le domeniche dalle 9,30 alle 16,30
novembre tutte le domeniche dalle 9,30 alle 13,30
dicembre, gennaio e febbraio apertura per gruppi su prenotazione

Biglietti e tariffe: 

Area Archeologica

intero € 3
ridotto € 2 (per bambini e ragazzi da 7 a 12 anni) 
Gratuito per bambini da 0 a 6 anni compiuti e portatori d’handicap

Area Attrezzata

Utilizzo tavoli e bracieri € 2,50 a persona
Gratuito per i bambini da 0 a 3 anni compiuti

Attività culturali 

Biglietto unico € 5
Gratuito per i bambini da 0 a 3 anni compiuti in caso di attività espressamente rivolte ai bambini, da 0 a 6 anni compiuti per tutte le altre attività
Gratuito per portatori d’handicap

Nelle giornate di apertura alle ore 10 visita guidata compresa nel biglietto d’ingresso nei mesi da maggio a settembre visita guidata anche alle ore 16,30

Da maggio a settembre ogni prima domenica del mese alle ore 16,30 visita guidata dedicata ai bambini dai 7 ai 12 anni compresa nel biglietto d’ingresso.
Nei mesi di marzo, aprile, ottobre e novembre la visita si svolgerà alle ore 10